Home Tags Posts tagged with "Dino Baggio"

Dino Baggio

    0 1091

    RELAZIONE SULL’INCONTRO CON DINO BAGGIO

    a cura degli studenti della Scuola Media di Tombolo (PD)

    Qui di seguito il resoconto di una studentessa delle scuole medie sulla presentazione del libro del prof. Marco Aluigi e di Dino Baggio realizzato tempo fa. 

    Il libro sta avendo un elevato successo in Italia. E’ un libro ben scritto, facilmente  leggibile, che cattura l’attenzione e  ricco di spunti anche educativi. Ci fa un gran piacere anche perchè l’idea è nata nel nostro istituto ed è stata portata a compimento con maestria e grande impegno da un nostro Professore.

    Martedì 13 dicembre 2011 nella scuola Secondaria di 1° grado “Marco Polo” di Tombolo, si è svolto un incontro molto importante, bello e, soprattutto, interessante con colui che è stato un grande campione del calcio italiano: Dino Baggio.

    Scopo principale di questo incontro era la presentazione del libro scritto da un insegnante della nostra scuola, il professore Marco Aluigi, in collaborazione con questo grande campione calcistico che vive a Tombolo, nel nostro Comune.

    Il libro è intitolato: “Gocce Su Dino Baggio” e racconta appunto la difficile, tortuosa, ma appagante carriera di un ragazzo che aveva una speranza dentro di sé, voleva arrivare, voleva realizzare il suo sogno.

    Infatti il libro narra la storia di Dino Baggio dall’età di cinque anni, a quando è cominciata la sua carriera, fino ai trentasei anni, quando questa si interrompe.

    L’idea di realizzare il libro è nata cinque, sei anni fa, nel 2006, proprio nella nostra scuola quando un uomo desideroso di raccontare la propria storia, ha incontrato colui che avrebbe potuto rendere possibile tutto ciò.

    Nell’anno scolastico 2005/2006, il professor Marco Aluigi, il Preside e altri docenti hanno avuto l’idea di realizzare un Progetto sui campioni dello sport a Tombolo e, a fine anno, far giocare una partita di calcio ai ragazzi di terza media con alcuni insegnanti e il campione Dino Baggio, che abitava loro molto vicino.

    Ecco dove avvenne l’incontro.

    Dopo quel momento il professor Marco Aluigi e Dino Baggio passarono molto tempo insieme, quasi un’intera estate, a parlare per creare quello che dopo cinque anni sarebbe diventato, nonostante tutte le difficoltà, un libro certamente da leggere.

    Può sembrare strano, ma a queste due persone è servito più tempo per trovare un editore che fosse disposto a pubblicare il libro che per scriverlo materialmente. Infatti, giunta voce che Dino Baggio doveva stampare un libro, molte case editrici si fecero avanti, ma a tutte non andava di pubblicare un libro “per bene”; volevano un libro che raccontasse anche i retroscena negativi del mondo calcistico e questo a Dino Baggio non piaceva.

    Finalmente, riuscirono a trovare un editore che accettasse di stamparlo così com’era: l’editore Carlo Santi, anch’egli presente all’incontro.

    Questo è quello che è stato detto da Dino Baggio e dal professor Marco Aluigi, dopo un breve discorso introduttivo del nostro Preside, nella prima parte dell’incontro.

    Nella seconda parte dell’incontro, invece, abbiamo guardato un filmato, non più lungo di dieci minuti, nel quale erano riassunti i più bei goal effettuati da Dino Baggio che, a mio parere, hanno un tocco un tantino artistico, soprattutto il goal realizzato, con una formidabile rovesciata, contro il Milan, che anche lo stesso Dino Baggio ha definito il suo preferito.

    Dopo aver visto questo filmato, ogni classe ha posto a Dino Baggio delle domande riguardanti la sua vita passata, presente e anche privata.

    Da queste domande è emerso che Dino Baggio era un bambino che a cinque anni ha cominciato a giocare a calcio con il Tombolo, dimostrando subito il suo talento e la sua passione.

    Da quest’età è sempre migliorato e ha sempre continuato a giocare passando dal Tombolo al Torino, e successivamente al Parma ( dove è rimasto per molto tempo ), fino ad arrivare a vestire la maglia azzurra a soli venti anni.

    E’ arrivato anche a livelli internazionali volendo così uguagliare i suoi idoli: Platini e Ancelotti.

    Dino Baggio ci ha detto inoltre che, durante questi quindici anni, i momenti e i periodi non sono stati sempre belli e piacevoli, ma anche molto faticosi, difficili e a volte tristi.

    Ci sono stati momenti in cui gli venivano richiesti molti sacrifici, ci sono stati momenti in cui si domandava se ne valesse veramente la pena, ma poi, la voglia di realizzare il suo sogno e la consapevolezza che “il treno” passa solo una volta, è stato più forte di qualsiasi altro pensiero e lo ha aiutato a superare tutte le difficoltà; secondo Dino Baggio, un ragazzo con determinazione e buona volontà può arrivare dovunque.

    Egli ci ha detto che un grande aiuto l’ha avuto dai suoi genitori che gli sono sempre stati accanto e l’hanno sempre sostenuto e aiutato nei momenti in cui tutto sembrava essere perduto.

    Dino Baggio ha detto che la nazionale è l’apice per ogni giocatore e che per lui poterci arrivare e giocare è stato un vero e proprio onore.

    Ha ricordato i numerosi premi vinti, assieme però alla sconfitta ai mondiali del 1994, ultimo anno del suo percorso calcistico, per un rigore mancato, dicendo che è stato bello essere vice campioni del mondo, ma che essere “I Campioni” del mondo sarebbe stato ancora meglio…

    Alcune domande finali hanno avuto come filone principale la sua vita privata: egli ha risposto che ha sposato sua moglie perché era veramente molto innamorato di lei, come è ancora adesso, e non perché fosse famosa o perché una velina. Dopo aver concluso la sua carriera, si è dedicato per tre anni alla famiglia, da quest’estate ha deciso di ritornare nel mondo calcistico allenando un settore del Padova, squadra nella quale giocano anche i suoi due figli di otto e nove anni.

    L’incontro si è concluso con un grande e affettuoso applauso al professor Marco Aluigi, all’editore Carlo Santi, al Preside, il dottor Ugo Silvello e soprattutto al nostro campione, con il desiderio per molti di leggere il libro “Gocce Su Dino Baggio”.

    Link all’articolo originale

      1 800

      Lunedì 6 febbraio 2012 alle ore 19,00, vi è l’appuntamento con il Campione presso il nuovo Centro Sportivo “Bruno De Marchi” (zona ex Cerit) a Pordenone.

      Organizzato in collaborazione con la società Pordenone Calcio, l’associazione sportiva Sistema Calcio Giovani e con Comune e Provincia di Pordenone, l’evento ha una particolarità eccezionale. Dino è considerato un vero e proprio “mito” in quella Città per aver partecipato, in più occasioni e negli anni di sua grande gloria e fama, come testimonial in molti eventi sportivi garantendo agli organizzatori, così, enormi affluenze di pubblico e il conseguente successo delle manifestazioni. Vi è, quindi, un profondissimo legame di affetto, sia da parte della Città verso Dino che viceversa.

      Altro ospite d’eccezione è il noto a popolare telecronista sportivo Bruno Pizzul che, tra l’altro, ha già tenuto a battesimo il libro in quel di Tombolo (PD). Bruno Pizzul si è reso disponibile ed entusiasta a seguire il nostro Dino in molte altre occasioni future (vedi anche Fontaniva) e, questa gradita presenza anche a Pordenone, farà sicuramente aumentare il già grande interesse degli affezionati sostenitori e fan di Dino Baggio.

      Interventi di:

      • gli Autori del libro Dino Baggio e Marco Aluigi;
      • l’Editore CIESSE Edizioni Carlo Santi
      • e il giornalista sportivo Bruno Pizzul.

      Durante l’incontro verranno trasmesse le immagini video di alcuni dei più bei goal segnati da Dino Baggio durante la sua bellissima carriera sportiva. Il Campione sarà lieto di rispondere alle domande e ad autografare il libro nonché disponibile alle foto di rito.

      Ingresso libero.

        0 918

        Il 2012, per la CIESSE Edizioni, si apre con una nuova veste comunicativa: il sito web www.ciessedizioni.it e questo stesso blog http://blog-ciessedizioni.info, entrambi rinnovati, di facile consultazione e con una veste grafica elegante.

        Naturalmente è solo un modo di presentarsi, il fattore determinante sono sempre e solo i libri pubblicati nonchè quelli che andremo a pubblicare questo trimestre.

        Parlo di trimestre?

        Sì, parlo proprio di trimestre perchè la nuova impostazione editoriale prevede piani trimestrali per le nuove pubblicazioni.

        E’ innegabile che, successivamente alla fase di ricerca al giusto manoscritto di qualità, si prosegua poi con la sua fase di revisione approfondita e professionale. Entrambe queste fasi, scelta e revisione testo, ovviamente diventano sempre più vitali e determinanti. Ecco perché piani trimestrali, per evitare di stabilire decine di contratti di edizione ed essere costretti a soddisfare  le giuste “pressioni” dell’Autore che non vede l’ora di venire pubblicato e stringere fra le mani la sua “creatura”.

        Certo, quale editore posso sempre dire all’Autore in questione che attenda i tempi nostri, ma è inevitabile che, carico di entusiasmo e, dico io, anche di un po’ di impazienza, influisca psicologicamente nei confronti del proprio editor che, così, si sente “attanagliato” da una fretta che non deve mai avere, vista la delicatezza del compito.

        Con il piano trimestrale si evita tutto questa smania e pressione, simpaticamente parlando, perché l’Autore conosce da subito che in quel trimestre uscirà il suo libro così da “rassegnarsi” volontariamente a tale attesa. Sembrerà una piccola cosa e, invece, ritengo ricopra una scelta saggia e oculata. Quando si stabilisce il contratto di edizione con l’Autore, con questi si diventa collaboratori, quasi si fosse soci, si concordano scelte comuni, si programmano obiettivi e traguardi. Naturale che vi sono aspettative legittime, anche nei tempi e l’entusiasmo è comprensibile, oltre che auspicato, incentivato e, non certo ininfluente e del tutto contagioso.

        Così è avvenuto l’ultimo trimestre 2011 e, dopo le fantastiche uscite di Gocce su Dino Baggio di Dino Baggio e Marco Aluigi (grande successo annunciato), l’antologia Fobie curata dallo strabiliante e dinamico “pazzoide e fobico” personaggio che porta il nome di Alessandro Greco (Alex è appena diventato papà per questo gli esterniamo gli auguri e le felicitazioni dell’intera Redazione e, assieme a lui, li estendiamo anche alla mamma Federica e alla piccola Sara) oltre a  CAMil quarto titolo CIESSE del talentuoso Stefano Pastor, D’ombra e di luce, anche qui quarta pubblicazione CIESSE (ognuna in una collana diversa) della nostra Francesca Panzacchi e MINON di Alexia Bianchini e Fiorella Rigoni, in questo primo trimestre 2012 vedranno la luce altre novità di rilievo di nuovi e “vecchi” Autori.

        Fra le New Entry annoveriamo Carlo Carere e Giangiuseppe Ruzzu con il loro giallo Acque letali. Il libro in questione è ispirato da una storia vera che si basa su un’indagine, tutt’ora “affossata”, riferita allo smaltimento illegale di rifiuti tossici e radioattivi dispersi in mare aperto; mare italiano, per intenderci. E quando si dice che si basa su una storia vera parliamo di un Carlo Carere, ex Capitano dei Carabinieri (oggi apprezzato attore di cinema e teatro che vive a Hollywood) e di un Giangiuseppe Ruzzu, un ufficiale dei Carabinieri con il grado di Maggiore, tuttora in servizio. Quindi, autori che conoscono le indagini di cui si parla nel libro e molti lettori potranno rendersi conto di alcuni risvolti “inspiegabili” di storie di cronaca del passato ben conosciute ma che, nelle loro varie articolazioni, non hanno avuto grandi effetti mediatici e, per questo, ancora immersi (sarebbe quasi meglio dire sommersi) nel mistero, merito anche della scarsa e scorretta informazione giornalistica. Il libro è romanzato, certo che sì, perchè la storia vera non è ancora conclusa, non ha ancora un epilogo e nemmeno uno o più colpevoli. Un libro che potrebbe aprire molti interrogativi, da non perdere.

        Sempre New Entry, anche se parliamo di una scrittrice già affermata, è Tiziana Iaccarino con il suo Nel cuore della notte (provvisorio che andrà cambiato in quanto vi è un altro romanzo con il medesimo titolo). La storia di Tiziana vuole raccontare ciò che significano gli avvenimenti, positivi o negativi che accadono di notte, all’improvviso e sempre quando tutto sembra molto più complicato e difficile da superare, almeno in apparenza. Infatti, è proprio di notte che le ombre danno un’immagine distorta delle cose e delle persone ed è sempre di notte che spesso si trovano le soluzioni alla vita che il giorno non offre. La notte, quindi, è uno spazio temporale che viene esplorato dall’Autrice attraverso una serie di effetti ed eventi, sentimenti e vicissitudini, difficoltà e soluzioni che analizzano un percorso vissuto con scoperte ed esplorazioni dell’animo umano.

        Continuo con i nuovi Autori CIESSE con il thriller Grida oltre il silenzio di Antonio Ferrara. La storia rappresenta quelle “grida” che non possono essere udite da tutti, ma solo da coloro dotati di un certo grado di sensibilità. Sono le grida non ascoltate di chi è andato via da questa terra, ma che comunque continua a gridare a chi si nasconde dietro una facciata d’omertà e false certezze. Il romanzo di Antonio ha un’altra caratteristica che lo rende ancor più ghiotto: la prefazione sarà di Danilo Arona, noto scrittore, giornalista e saggista italiano che, per anni, si è occupato di narrativa e cinema fantasy, tenendo conferenze sulla letteratura fantastica e collaborando alla scrittura di sceneggiature (ha pubblicato anche con la Mondadori, non è vitale e importante, ma qualcosa significa sempre) e, cosa non da poco, sta leggendo il manoscritto garantendo, così, un ulteriore e gradito supporto all’Autore. Di questo ultimo passaggio a noi può solo fare piacere, l’interesse, l'”occhio” critico, attento e scrupoloso del grande Arona rappresenta la conferma che abbiamo scelto bene.

        Non sono delle New Entry, bensì nostri già collaudati e affezionati Autori: parlo di Andrea Garlinzoni e Stefano Marino.

        Parto da Andrea Garlinzoni e con il suo ultimo episodio della saga che ha dato vita alla Collana Le nostre guerre, cioè il suo terzo romanzo della trilogia. Di comune accordo con Andrea stiamo lavorando per garantire una veste nuova alla trilogia stessa: unificheremo i tre episodi in un’unica pubblicazione, l’intera saga in un unico romanzo, corposo, mastodontico e assolutamente imperdibile a un costo di copertina lievemente più alto di uno dei titoli già pubblicati, per questo assai contenuto. La nuova pubblicazione, che è in fase di revisione completa anche nei riguardi dei due precedenti episodi, si intitolerà Le rose di ferro e tratta i quindici anni più bui della nostra Patria: il periodo che ci ha fatto conoscere la seconda guerra mondiale. Storie di vita dei militari e delle loro famiglie in attesa, storie di eroi o “semplici” madri e padri in apprensione per i propri figli in guerra. Andrea è maestro di tecnica bellica tanto quanto riesce a trasmettere le ansie e le paure vissute in quel periodo perchè ha approfondito l’argomento ascoltando dirette testimonianze di chi, a quel tempo, c’era e non ha mai dimenticato.

        Per ultimo, ma solo per quanto riguarda l’ordine fin qui dato, Stefano Marino, un Autore amico che è alla sua seconda “fatica”. La prima è quella che noi abbiamo definito (assieme ad altri titoli che sono in vetta alla classifica delle vendite di sempre) il “LONG SELLER” Mai come Ieri. Nella mail che mi ha inviato, contenente il manoscritto, l’oggetto era: “Stefano ci riprova”. Non l’abbiamo ancora letto, ma di Stefano ci si fida, l’annuncio lo faccio ora, la breve descrizione più avanti, in un altro editoriale. Per ora mi accontento di sapere che il manoscritto è di Stefano, un mix di sicurezza, qualità e talento.

        E questo, a me, basta e avanza!

        Carlo Santi

          0 876

           

          Dopo il successo della prima presentazione del libro tenutasi a Tombolo (PD) il 16 dicembre 2011, evento che ha registrato una partecipazione di pubblico impressionante (oltre 400 presenze), si è già all’opera per organizzare un vero e proprio tour per questo inizio 2012, tutti di grande richiamo e interesse.

            0 737

            BaggioAluigi

            L’Amministrazione del Comune di Ponte nelle Alpi (BL) organizza la presentazione del libro biografico GOCCE SU DINO BAGGIO di Dino Baggio e Marco Aluigi, CIESSE Edizioni.

            L’appuntamento è previsto per

            sabato 7 gennaio 2012

            alle ore 18.00

            presso il Palazzetto dello Sport di Viale Stazione a Ponte nelle Alpi (BL).

            Ponte-nelle-Alpi-presentazione-libro-Dino-Baggio-300x200 L’incontro con il Campione e il coautore Marco Aluigi verrà condotto da Giovanni Viel, con i sindaci Roger De Menech (Ponte nelle Alpi) e Roberto Padrin (Longarone) nonchè dall’Assessore allo Sport di Ponte, Enrico De Bona. Sarà presente anche l’Editore Carlo Santi e tutte le associazioni sportive del territorio.

            Durante l’evento verrà anche proiettato un filmato dei più bei goal segnati dal Campione Dino Baggio durante la sua straordinaria carriera.

            L’ingresso è libero, Dino Baggio e Marco Aluigi saranno lieti di rispondere alle domande degli intervenuti e il Campione sarà disponibile a dedicare e autografare una copia del libro nonché a essere fotografato insieme ai suoi innumerevoli tifosi e fan.

            Per info: TEL. 0437 986724 (Municipio Ponte nelle Alpi – BL)

              0 1176

              IvanZazzaroni

              Intervista radiofonica per Dino Baggio che sarà mandata in onda nella trasmissione Deejay Football Club, condotta dal noto giornalista Ivan Zazzaroni.

              Il programma radiofonico va in onda ogni sabato dalla ore 12,00 alle ore 14,00, il Campione sarà ospite di Zazzaroni questo sabato 24 dicembre 2011, vigilia di Natale.

              Dino parlerà ovviamente di calcio ma, principalmente, del suo libro GOCCE SU DINO BAGGIO, edito dalla CIESSE Edizioni che, appena uscito, sta ottenendo ottimi risultati e grandissimo interesse e curiosità.

              Questa intervista radiofonica segue quella precedentemente rilasciata in TV da Dino su TG Padova e il canale di Telenuovo il 16.12.2011, cioè lo stesso giorno della prima presentazione ufficiale del libro.

              L’interesse mediatico, che riesce a “calamitare” un Campione del calibro di Dino Baggio e il suo libro, sta assicurando una presenza su giornali, radio e TV locali, ma non solo. E’ da evidenziare come la notizia del libro, seppur appena uscito da un paio di settimane, crei già interessi anche nazionali. Seppur prevedibile, fa comunque piacere prendere atto della velocità “impressa” alla notizia con un protagonista così famoso a livello internazionale.

              Da segnalare alcuni interventi importanti, come la presenza di un’intera pagina sulla pagina Sport del Televideo RAI, che gli è stata dedicata, nonché un servizio trasmesso su RAISAT SPORT sulla piattaforma di Sky e nel digitale terreste, entrambi annunciavano sia il libro sia la presentazione nella serata del 16 u.s. a Tombolo.

              Ora è il turno di Radio Deejey, notissima radio fondata e diretta dal fantastico Linus & C., una delle più ascoltate a livello nazionale.

              Siamo solo l’inizio di un tour promozionale che, oltre alla presentazioni del libro in molte località d’Italia, sarà supportata e sostenuta da interventi mediatici di rilievo, a testimonianza di quanto è apprezzato Dino Baggio.

              Articoli casuali

              0 836
              L’incontro è organizzato dalla LIONS Club di Camposampiero Dino Baggio e Marco Aluigi presenteranno il libro “Gocce su Dino Baggio” martedì 6 novembre 2012, ore 21.00 Ristorante AL TEZZON Camposampiero – PD. Coordinerà l’evento un noto...