Home Tags Posts tagged with "Cecilia Lavopa"

Cecilia Lavopa

    0 1986
    RIP di Maurizio Blini

    RIP di Maurizio Blini

    SINOSSI

    Il ritrovamento del cadavere di una prostituta sgozzata impegna oltremodo la sezione omicidi della Questura di Torino. Ma è solo il primo di una lunga serie di efferati omicidi apparentemente senza senso.

    Un macabro rituale lega alcune vittime all’ignaro investigatore privato ed ex poliziotto Maurizio Vivaldi.

    Chi si nasconde dietro a questa strategia? Chi lo vuole morto? Un nuovo caso per il commissario

    Alessandro Meucci e la sua squadra, in una Torino misteriosa dai tratti oscuri e inquietanti.

    RECENSIONE

    Bella sorpresa, questo autore, mio corregionale! Fin dalla prima pagina ho apprezzato ed amato il suo stile di scrittura, asciutto, moderno, senza sbavature. E la storia, ancor di più. La storia di una vendetta. Ma così crudele, così coinvolgente, che mi ha lasciato, a lettura finita, una sorta di nodo allo stomaco.

    Teatro della vicenda, Torino, descritta con minuzia di particolari, vie, luoghi… e con molto amore, fra le righe. Pare quasi di esserci, e di prendere parte agli appostamenti, alle bevute nei bar, agli incontri.

    L’assassinio della prostituta è ben poca cosa, in realtà, al confronto di ciò che dovranno affrontare il commissario Meucci e la sua squadra. Con lui, l’amico fraterno investigatore (ed ex collega) Vivaldi, che si accorgerà ad un certo punto di essere coinvolto molto più profondamente, in questa oscura storia, di quanto non immagini.

    E da quel momento i fatti si avvicenderanno così incalzanti, da togliere il respiro. I progetti per il futuro, l’imminente matrimonio, tutto appare a Vivaldi sfumato, rispetto agli omicidi, alle minacce, alla sensazione di pericolo imminente, di paura serpeggiante! La storia corre, rotola verso la fine con un ritmo mozzafiato, e si conclude con un finale a sorpresa. Almeno per me, che lo aspettavo diverso.

    Un bel giallo, veramente. E una vendetta talmente amara, che non dà neppure soddisfazione a chi -come la sottoscritta- ama le storie di vendette.

    Consigliato!

    Lo scrittore:

    Maurizio Blini è nato a Torino nel 1959. Laureato in scienze dell’investigazione all’università dell’Aquila; ex poliziotto, scrittore, autore, compositore, musicista, sceneggiatore. Ha vinto numerosi premi. Partecipa a varie trasmissioni radiofoniche e televisive su tutto il territorio nazionale.

    Link articolo originale

      0 917

      nontisvegliare_3Dsm

      SINOSSI

      Una donna apre gli occhi in una stanza buia. Non riesce a muoversi. Dov’è? È ancora dentro al sogno? Perché non riesce a svegliarsi? Un uomo riemerge dal nulla dopo tre settimane. È in una stanza di ospedale con un vuoto assoluto in testa. Che cosa è successo? Perché è completamente solo? Perché viene accusato del più orribile dei crimini? In parallelo, una voce in una stanza spoglia chiede al magistrato di poter narrare tutto dall’inizio. Dagli “inutili anni Ottanta”. Perché, dice, è lì che è cominciato tutto. Un avvocato troppo coinvolto dal passato per accettare l’evidente colpevolezza del proprio cliente; passo dopo passo percorre un’indagine difensiva inquietante, inseguendo una fantomatica scia di sangue celata nella nebbia della pianura veneta. Solo per arrivare a una sconvolgente verità.

      RECENSIONE

      Da molto non mi accadeva di leggere un thriller così avvincente. Stefano Visonà: autore a me sconosciuto- ho scoperto poi come questo fosse il suo primo romanzo – e trama assolutamente accattivante.

      E’ un legal thriller, perché la vicenda è imperniata sulla difesa , da parte di un avvocato, in un caso quasi disperato: l’omicidio di una giovane donna, con l’osso del collo spezzato, da parte del marito. Tutte le prove sono contro di lui, schiaccianti.

      Tutta l’opinione pubblica  rumoreggia nei confronti di quest’uomo ambizioso ed arrivista, che con il matrimonio aveva “appeso il cappello al chiodo”, come si suol dire.

      Il tragico è che quest’uomo non si può difendere: nelle stesse ore è rimasto vittima di un grave incidente stradale, che gli ha fatto perdere del tutto la memoria, nel bene e nel male. Può solo disperarsi, per avere perso la moglie, per le accuse, per l’impotenza di cambiare il corso delle cose… e così si rivolge al vecchio amico Rubens, sua ultima speranza.

      Contemporaneamente, si narra la storia di tre amici, dall’infanzia ad oggi. Uno è l’accusato, Luciano Chiomonte, “Scimmia”; un secondo è l’avvocato, Rubens Gatto, “Rubino”, che proprio in virtù dei vecchi tempi accetta questa difesa senza speranze.  Poi c’è  Zeno, “Luce”, da tempo perso di vista , ed il misterioso Doctor Who, che ricorre in tutta la storia, ma che solo all’ultimo si scoprirà. Un romanzo che , più che scorrere, vola!

      Abbastanza complesso, ma talmente intrigante che non dà tregua, né permette interruzioni. C’è, a capitoli alterni, una storia nella storia, raccontata da un Io narrante, che spiega il perché  di tutto ciò che è accaduto; ma solo all’ultimo si capirà chi  stesse parlando!

      Lo stile con cui la storia è scritta è ottimo. Frasi brevi  o brevissime. Citazioni bene inserite nel contesto, che denotano profonda conoscenza  in molti campi. Capacità di tenere il lettore col fiato sospeso. Trovate mai scontate. Tanti concetti profondi, che meritano una seconda e anche una  terza rilettura: io ho evidenziato alla grande! E non mi succede spesso.

      La descrizione della provincia veneta, dei suo paesini, delle sue nebbie ( inquietanti), della sua gente, è magistrale. Conclusione: promosso a pieni voti. E speriamo che Stefano Visonà ci diletti presto con un altro giallo di altrettanto valore.

      Amanti del legal-thriller: correte ad acquistarlo!

      Lo scrittore:

      Stefano Visonà è nato e cresciuto in Veneto, dove vive con moglie e tre figli. Ingegnere, con maturità classica, si occupa di progettazione di beni durevoli di consumo. Da sempre appassionato di arte e letteratura, negli ultimi anni ha consolidato l’amore per la scrittura pubblicando diversi racconti, alcuni dei quali premiati in concorsi letterari.

      Non ti svegliare è il suo primo Legal thriller, 400 pagine, edito da CIESSE Edizioni, ambientato nella provincia Veneta, segnalato al XXIII Premio Calvino.

      Link articolo originale

      Articoli casuali

      0 859
      Sabato 4 maggio 2013, alle ore 16, nella sala di rappresentanza del municipio di Viareggio si è svolta la cerimonia di premiazione del Concorso...