Home Editoriale

    0 1748

    L'amico e autore Marco si è spento oggi 21 gennaio, all'età di 64 anni.

    L’Editoriale

    Marco e Dino in occasione della firma del contratto per GOCCE SU DINO BAGGIO

    E’ vero che la vita ci riserva sempre delle sorprese, a volte molto amare. Oggi 21 gennaio 2019 è morto un autore CIESSE, un amico oltre che scrittore: Marco Aluigi.

    Coautore della biografia di Dino Baggio, vice campione mondiale 1994 di calcio,  “Gocce su Dino Baggio” e  di nuovo coautore di un’altra biografia sportiva assieme all’ex calciatore di serie A e oggi allenatore Stefano Trevisanello, “Un pallone sull’acqua“, Marco Aluigi si è spento oggi all’età di 64 anni. L’avevo sentito pochi giorni fa per organizzare delle presentazioni dell’ultimo libro con Trevisanello e ora resto sconvolto dalla notizia.

    Che dire di Marco? Prima di tutto un amico con cui ho condiviso momenti esaltanti quando presentavamo il libro assieme al campione Dino Baggio, dove abbiamo incontrato platee enormi di tifosi e sostenitori dell’ex calciatore e vice campione del mondo 1994, quando l’Italia perse ai rigori a causa anche dell’errore di un altro campionissimo: Andrea Baresi.

    Le mie sentite condoglianze alla famiglia, che conosco bene, alla moglie Maria Chiara e al figlio Lorenzo.

    Per chi volesse partecipare, i funerali saranno celebrati mercoledì 23 gennaio 2019 alle ore 15:00 nel Duomo di San Martino di Lupari (PD).

    Per volere della famiglia le eventuali offerte saranno devolute al Centro Giovanile Parrocchiale di San Martino di Lupari.

     

      0 3178

      L’editoriale di Carlo Santi

      Di norma pubblichiamo sul blog la ‘Top Ten’ del mese, la classifica dei dieci libri più venduti dalla casa editrice, sia cartacei che digitali.

      Essere presenti in classifica può significare che un libro sta andando bene, ma c’è un ‘ma’ che distorce leggermente la reale portata di vendita di alcuni autori. Infatti, per dirla con estrema franchezza, la ‘Top Ten’ non è la perfezione più assoluta e, in alcuni casi, potrebbe non rappresentare effettivamente la reale situazione di vendita globale della casa editrice. Sia chiaro, la classifica dei primi dieci è quella che effettivamente risulta dai nostri dati contabili, per cui è l’esatta rappresentazione delle vendite mensili, ma se la valutiamo nel lungo periodo la situazione viene quasi completamente stravolta fornendo, in alcuni casi, risultati sorprendenti.

      Per fare un esempio pratico, se un titolo novità vende molto solo il mese della sua uscita, allora è facile che entri in classifica in quel determinato periodo, ma poi potrebbe scomparire in quelle successive, magari perché l’opera non riesce a creare un interesse in modo costante nel tempo. Di contro, se un libro vende meno, ma stabilmente nel tempo, faticherà a ottenere un posto nella ‘Top Ten’ mensile, però è altrettanto vero che verrà considerato comunque un libro determinante per la casa editrice, anzi, in alcuni casi viene considerato ‘essenziale’. In pratica, alcuni nostri libri vengono esclusi dalla ‘Top Ten’ solo perché arrivano undicesimi, oppure qualche gradino più in basso, e proprio per questo non vengono mai citati.

      Eppure alcune di queste opere fanno registrare numeri di vendita considerevoli, solo che tale dato viene espresso nel lungo periodo. In questo articolo si cambia registro: oggi pubblico la classifica della ‘Top Twenty of the year’, cioè i venti libri più venduti nell’arco dell’intero anno 2018, sia nella versione cartacea che digitale.

      Il primo posto della classifica libri cartacei spetta ad Antonella Zucchini e il suo ultimo romanzo LA FORMA IMPERFETTA DELLE NUVOLE, che segna un record di vendite nell’ultimo trimestre 2018 (da tenere presente che è uscito a fine luglio, tolto il periodo feriale si parla di settembre), seguita a ruota da un altro titolo record, parliamo di LA GUERRA DI DON PIERO di Renato Costa, abile autore nonché editor della nostra CIESSE; mentre la vetta degli eBook spetta meritatamente a un ‘sempre verde’ targato CIESSE: LE CINQUE COLOMBE di Jenny Gecchelin.

      Va da sé che ringrazio pubblicamente tutti gli autori della CIESSE Edizioni, nessuno escluso. Che siano o meno in classifica mensile, annuale o decennale, poco importa.

      Carlo Santi

      Top20Logo

      N.B.- La classifica tiene conto dei libri effettivamente venduti e fatturati dal 01/01 al 31/12/2018 e non quelli forniti in “conto vendita/deposito” alle librerie e ai distributori.

      LIBRI

      1. LA FORMA IMPERFETTA DELLE NUVOLE di Antonella Zucchini

        “La forma imperfetta delle nuvole”, un romanzo di Antonella Zucchini

      2. LA GUERRA DI DON PIERO di Renato Costa
      3. IL QUARTO ELEMENTO di Paolo Marta
      4. IL VIALE DEI SOSPIRI di Laura Rico
      5. UNA CANDELA ILLUMINA IL LAGER di Silvia Pascale
      6. COME STELLE NEL CIELO di Silvia Pascale
      7. CHI TOCCA VIVE! di Chiara Benciolini
      8. TUTTO IL RESTO VIEN DA SE’ di Antonella Zucchini
      9. LIBERA di Flavia Maria Macca
      10. LE CINQUE COLOMBE di Jenny Gecchelin
      11. IL CAVALIERE E LA CROCE di Taras Stremiz
      12. ALIENOR di Silvia Robutti
      13. PAROLE E MUSICA di AA.VV.
      14. RACCONTI DA UN MONDO POSSIBILE di Marco Aurelio Messori
      15. QUASI TENEBRA di Daniele Trevisan
      16. IL CAVALIERE DI SAN GIOVANNI di Taras Stremiz
      17. FIORE DI CAPPERO di Antonella Zucchini
      18. LA NEBBIA NELL’ANIMA di Massimiliano Ferrati
      19. ORME SULLA SABBIA di Matteo Pesce
      20. L’ARCA DELL’ALLEANZA di Carlo Santi

      eBook

      1. LE CINQUE COLOMBE di Jenny Gecchelin
      2. IL CAVALIERE E LA CROCE di Taras Stremiz
      3. IL CAVALIERE DI SAN GIOVANNI di Taras Stremiz

        ‘Le cinque colombe’ di Jenny Gecchelin

      4. LA GUERRA DI DON PIERO di Renato Costa
      5. LA FORMA IMPERFETTA DELLE NUVOLE di Antonella Zucchini
      6. L’ARCA DELL’ALLEANZA di Carlo Santi
      7. LA RAGAZZA DELLA LUNA di Silvia Zidarich
      8. TUTTO IL RESTO VIEN DA SE’ di Antonella Zucchini
      9. IL BARBIERE DI GALATI di Vincenzo Biancalana
      10. LA NEBBIA NELL’ANIMA di Massimiliano Ferrati
      11. FIORE DI CAPPERO di Antonella Zucchini
      12. LA BIBBIA OSCURA di Carlo Santi
      13. IL QUINTO VANGELO di Carlo Santi
      14. UNA CANDELA ILLUMINA IL LAGER di Silvia Pascale
      15. PARATGE di Matteo Pesce
      16. LIBERA di Flavia Maria Macca
      17. IL VIALE DEI SOSPIRI di Laura Rico
      18. LA TESTIMONIANZA DI DIO di Carlo Santi
      19. I LUPI DI PALERMO di Carlo Santi
      20. COME STELLE NEL CIELO di Silvia Pascale

        0 1253

        L’editoriale

        Di norma pubblichiamo sul blog la ‘Top Ten’ del mese, la classifica dei dieci libri più venduti dalla casa editrice, sia cartacei che digitali. La classifica mensile è anche uno dei post solitamente fra i più letti del nostro Blog, magari perché viene ‘sfruttata’ simpaticamente dagli autori che, giustamente, condividono con orgoglio il buon risultato che la loro opera ha ottenuto. È una soddisfazione veder citato il proprio libro nella ‘Top Ten’, ed è anche per questo che pubblichiamo la classifica dei dieci titoli più venduti della casa editrice.

        Essere presenti in classifica può significare che un libro sta andando bene, ma c’è un ‘ma’ che distorce leggermente la reale portata di vendita di alcuni autori. Infatti, per dirla con estrema franchezza, la ‘Top Ten’ non è perfetta e, in alcuni casi, potrebbe non rappresentare effettivamente la reale situazione di vendita globale della casa editrice. Sia chiaro, la classifica dei primi dieci è quella che effettivamente risulta dai nostri dati contabili, per cui è l’esatta rappresentazione delle vendite mensili, ma se la valutiamo nel lungo periodo la situazione viene quasi completamente stravolta fornendo risultati sorprendenti.

        Per fare un esempio pratico, se un titolo novità vende molto solo il mese della sua uscita, allora è facile che entri in classifica in quel determinato periodo, ma poi potrebbe scomparire in quelle successive, magari perché l’opera non riesce a creare un interesse in modo costante nel tempo. Di contro, se un libro vende meno, ma stabilmente nel tempo, faticherà a ottenere un posto nella ‘Top Ten’ mensile, però è altrettanto vero che verrà considerato comunque un libro determinante per la casa editrice, anzi, in alcuni casi viene considerato ‘essenziale’. In pratica, alcuni nostri libri vengono esclusi dalla ‘Top Ten’ solo perché arrivano undicesimi, oppure qualche gradino più in basso, e proprio per questo non vengono mai citati.

        Eppure alcune di queste opere fanno registrare numeri di vendita considerevoli, solo che tale dato viene espresso nel lungo periodo. In questo articolo si cambia registro: oggi pubblico la classifica della ‘Top Twenty of the year’, cioè i venti libri più venduti nell’intero anno 2017.

        Il comando lo raggiunge un titolo uscito a novembre 2017 e in due mesi ha conquistato la vetta: ALLUXINATI di Nicola Pegoraro. Poi troviamo ancora i libri di Taras Stremiz, autore sempre presente nella Top Ten e la cara amica Jenny Gecchelin, il suo romanzo LE CINQUE COLOMBE è un “sempre verde” e continua a essere uno dei titoli più importanti (e di ottima qualità letteraria) della nostra casa editrice.

        Questo post è dedicato a tutti coloro che non hanno mai visto citato il loro libro nelle classifiche mensili e che, però, meritano la dovuta attenzione. Colgo l’occasione per ringraziare pubblicamente tutti gli autori della CIESSE Edizioni, nessuno escluso. Che siano o meno in classifica mensile, annuale o decennale, poco importa.

        Carlo Santi

        Top20Logo

        N.B.- La classifica tiene conto dei libri effettivamente venduti e fatturati nel 2017 e non quelli forniti in “conto vendita/deposito” alle librerie e ai distributori.

         

        1. ALLUXINATI di Nicola Pegoraro

          “ALLUXINATI”, un romanzo di Nicola Pegoraro

        2. LA GUERRA DI DON PIERO di Renato Costa
        3. TUTTO IL RESTO VIEN DA SE’ di Antonella Zucchini
        4. IL CAVALIERE E LA CROCE di Taras Stremiz
        5. COME STELLE NEL CIELO di Silvia Pascale
        6. IL CAVALIERE DI SAN GIOVANNI di Taras Stremiz
        7. LE CINQUE COLOMBE di Jenny Gecchelin
        8. RICORDI DI UN DELITTO di Riccardo Santagati
        9. LA CERTOSA MISTERIOSA di Chiara Benciolini
        10. ORME SULLA SABBIA di Matteo Pesce
        11. IL BARBIERE DI GALATI di Vincenzo Biancalana
        12. FIORE DI CAPPERO di Antonella Zucchini
        13. LA RAGAZZA DELLA LUNA di Silvia Zidarich
        14. L’ARCA DELL’ALLEANZA di Carlo Santi
        15. LA SPELONCA DELLE STALATTITI di Jacopo Martinello
        16. BALLERINE DI CARTA di Laura Rico
        17. IL TARLO di Salvatore Galvano
        18. IL SEGRETO DELLA CRIPTA MESSAPICA di Pietro F. Matino
        19. TRAGEDIA DELL’ASSURDO di Jenny Gecchelin
        20. LA TESTIMONIANZA DI DIO di Carlo Santi

         

          0 2291

          Oltre 3.500 eBook venduti nel solo mese di luglio, un record assoluto.

          L’Editoriale di Carlo Santi

          Sarà sicuramente merito delle promozioni, però queste ci sono sempre state anche nei mesi precedenti, oppure il merito va ai titoli inseriti nell’offerta di luglio che hanno attirato maggiore attenzione nei lettori. A dire la verità non lo saprei dire con esattezza, fatto sta che a luglio si è registrato un vero e proprio boom di vendite dei libri digitali.

          Oltre 3.500 eBook venduti, la maggior parte riguardano i titoli in offerta lampo o Daily Deals che dir si voglia (qui si può vedere la classifica di luglio).

          Non solo i titoli in promozione, anche altri hanno ottenuto ottimi risultati, titoli che non erano affatto in offerta e che comunque hanno fatto registrare un’impennata nelle vendite. Mi sento in dovere di citare LE CINQUE COLOMBE di Jenny Gecchelin, anzi, il titolo è da un bel po’ che continua a vendere incessantemente fin dalla sua pubblicazione del 2011. Un titolo ‘sempreverde’ a cui va dato atto. Il libro di Jenny vende bene ancora oggi in entrambe le versioni, cartaceo e digitale.

          A lei in primis va il mio ringraziamento (e soddisfazione) più grande. Ringraziamento che estendo naturalmente anche agli altri autori che a luglio hanno permesso di realizzare questo importante risultato. Non so dire come sia successo, però è capitato, e a me, a noi tutti, può solo far immenso piacere, nella speranza di ripetere o, meglio ancora superare, questo strabiliante dato.

          Gli ‘eroi‘ di luglio sono: IL VAMPIRO DI MUNCH di Alessandro Maurizi, BALLERINE DI CARTA di Laura Rico, FRAGILE COME UN PONTE DI SABBIA di Roberta Di Odoardo, IL QUINTO VANGELO di Carlo Santi, IL CAVALIERE E LA CROCE di Taras Stremiz.

            0 1849

            Paganelli è stato uno dei primi autori che ha pubblicato con la CIESSE Edizioni, il ricordo dell'editore.

            L’Editoriale di Carlo Santi

            Antonio Paganelli

            Antonio Paganelli è morto venerdì scorso 30 giugno 2017, oggi i funerali nella sua città di Savignano sul Rubicone. Ci ha informato la nipote e la notizia ci ha sconvolto, e mi ha sconvolto anche personalmente. Autore di talento, dal carattere forte, non sempre andavamo d’accordo, ma fra uomini duri ci si scontra e ci si stima. Così era il nostro rapporto editore/autore e così era anche la nostra amicizia. Difficile esprimere come mi sento, è la prima volta che ‘perdo’ un autore dal punto di vista ‘materiale’ e non letterario.

            Ricordarlo con un post mi sembra il minimo, anche perché Antonio è stato uno dei primi autori CIESSE, il suo contratto di edizione è di novembre 2010, cioè un mese dopo aver aperto i battenti come casa editrice, quando eravamo sconosciuti, ancora non apprezzati e male organizzati. Paganelli è stato uno dei primi a credere nella CIESSE, uno di quegli autori d’assalto, che fa presentazioni, che gira mezza Italia per proporre il suo romanzo, e le vendite gli davano ragione. Paganelli era uno che credeva nella sua opera, fino al punto di ritenerla un figlio a cui dedicare amore e dedizione.

            Cicatrici nascoste, il caso di Rosa Tropea di Antonio Paganelli

            Il suo CICATRICI NASCOSTE – IL CASO DI ROSA TROPEA ha vinto la I Edizione del “Premio letterario Giacomo Gazzara di Messina” dove Antonio Paganelli è stato dichiarato “Autore Emergente Nazionale 2011”. “CICATRICI NASCOSTE” è stato il suo primo romanzo, pubblicato a dicembre 2010. Paganelli ha voluto raccontare una storia d’amore ambientata in Sicilia, nel periodo pre-bellico e, per scrivere il romanzo, ha usato un documento autentico trovato in un doppiofondo di una scrivania  che l’autore aveva comprato a un mercatino di mobili antichi. Nel doppiofondo le carte processuali di un caso: quello di Rosa Tropea, un fatto di sangue realmente successo il giorno di Natale del 1871 in provincia di Catania. Non a caso, in appendice al romanzo, è stata allegata la trascrizione integrale del documento autentico del XIX secolo, da cui Paganelli aveva preso lo spunto per scrivere il romanzo.

            La sua morte mi addolora, sono molti i momenti conviviali passati con lui, sia in occasione delle sue presentazioni, ma anche momenti di assoluta compagnia amicale e di assoluto relax. Ho mangiato e dormito ospite a casa sua a Savignano sul Rubicone, questo a testimonianza di quanto il nostro rapporto andasse anche oltre il mero vincolo contrattuale.

            Ai suoi familiari porgo le condoglianze mie personali, di tutta la redazione e degli autori CIESSE Edizioni.

            Biografia

            Antonio Paganelli nasce in Romagna nel 1947.
            All’età di 17 anni parte per la Svizzera a fare il tornitore. A 19 emigra in Canada, dove vive otto anni lavorando di giorno e studiando la sera. Ritornato in Italia si laurea in Lingue, a Venezia, con 110 e lode. Insegna francese alle Medie, alle Superiori e si occupa di didattica per insegnanti. Quando va in pensione si dedica all’hobby del restauro pittorico. Fa subito una scoperta di un certo interesse: sotto una crosta del Novecento trova un dipinto di un noto pittore francese del XIX secolo. Frequentando il mondo degli antiquari scova, inoltre, un documento cartaceo dell’Ottocento che lo incuriosisce. Si tratta degli atti del processo a un prete, per un fatto di cronaca, da cui prenderà lo spunto per scrivere CICATRICI NASCOSTE.

              0 1703

              Luca era padovano, e Webster è nostro cliente fin dalla nascita della CIESSE.

              L'Editoriale di Carlo Santi

              L’Editoriale di Carlo Santi

              Luca Ometto, Amministratore di Webster.it

              Luca Ometto, Amministratore e fondatore di Webster.it

              È morto nella notte tra sabato e domenica Luca Ometto, amministratore delegato e fondatore di Libreriauniversitaria.it e di Webster.

              Luca aveva appena 41 anni, sposato da poco, lascia la moglie e un figlio di 14 anni. Soffriva di un tumore al cervello, un male che lo ha stroncato giovanissimo.

              webster-itUna mente brillante, un uomo arguto, che aveva il ‘fiuto’ degli affari. Lui è il primo italiano (padovano DOC) che ha sfidato il colosso di Amazon diventando il secondo portale per la vendita online di libri in Italia.

              Luca era padovano, e Webster è nostro cliente fin dalla nascita della CIESSE.

              Ci stringiamo in un abbraccio affettuoso e colmo di gratitudine alla sua famiglia, la morte di Luca è una perdita gravissima sia per Padova che per l’intera editoria italiana.

                0 1395
                L'Editoriale di Carlo Santi

                L’Editoriale di Carlo Santi

                logBiblioCiechi

                Da più di quattro anni la CIESSE Edizioni collabora attivamente con la BIBLIOTECA ITALIANA PER I CIECHI “Regina Margherita” – ONLUS fornendo loro tutte le nostre pubblicazioni, a titolo gratuito, in un formato utile per la trasposizione in una o più delle versioni da loro comunemente richieste e utilizzate (informatica, braille, caratteri ingranditi, etc). La Biblioteca Italiana per i Ciechi ha infatti il merito di diffondere la lettura tra i minorati della vista attraverso la realizzazione di prodotti librari nei formati per loro adeguati, accessibili e fruibili attraverso la vendita o il prestito delle opere presenti nei loro ‘immensi‘ archivi. E quando parlo di ‘immensi‘ non esagero di certo considerando che un romanzo di 320 pagine, come per esempio il mio thriller I LUPI DI PALERMO, nella trasposizione in braille diventa un’opera formata da quattro grandi volumi per un totale di 605 pagine.

                logoCILPLa CIESSE Edizioni, riconoscendo da tempo le esigenze e le ragioni particolari dei minorati della vista, in quanto il loro accesso a tali prodotti non può avvenire per il tramite dei formati commerciali disponibili per il restante pubblico, ha inteso concretizzare il 5 agosto scorso un altro importante accordo a favore di questa particolare utenza, siglando una specifica convenzione con il CILP – CENTRO INTERNAZIONALE DEL LIBRO PARLATO  “ADRIANO SERNAGIOTTO” ONLUS. Il CILP ha, fra i suoi scopi, la promozione culturale dei minorati della vista con l’intento di aiutare i non vedenti ad accostarsi alla lettura e allo studio da realizzarsi attraverso la produzione e la distribuzione di prodotti audio editoriali direttamente fruibili. Se da un lato la Biblioteca Nazionale per i Ciechi converte i nostri libri in testo braille o a caratteri ingranditi, il CILP crea audiolibri avvalendosi della preziosa collaborazione dei ‘donatori di voce‘. L’accordo prevede la fornitura gratuita di tutti i nostri libri, a partire da quelli pubblicati nel 2016 (a tale fine è stato previsto un apposito articolo del contratto di edizione in cui l’autore autorizza l’editore a fornire la propria opera al CILP, norma che non era contemplata per le opere pubblicate prima di quest’anno, ndr). Nel contempo, il CILP fornirà alla casa editrice una copia del CD/DVD dell’audiolibro così realizzato autorizzando la CIESSE Edizioni anche alla eventuale vendita ai propri clienti.

                C’è già il primo audiolibro CIESSE che il CILP ha realizzato: è il romanzo storico IL CAVALIERE DI SAN GIOVANNI di Taras Stremiz.

                Di seguito il testo della convenzione integrale.

                  0 1712

                  Domenica 15 maggio 2016 ore 16,00, presso il Museo Nazionale dell’Internamento di Padova, ci sarà la prima presentazione ufficiale del particolare 'diario' di Egidio Bertazzo in cui racconta i suoi due anni passati nei campi di concentramento nazisti.

                  L'Editoriale di Carlo Santi

                  L’Editoriale di Carlo Santi

                  La cover de 'IL MIO DIARIO DI PRIGIONIA' di Egidio Bertazzo

                  La cover de ‘IL MIO DIARIO DI PRIGIONIA’ di Egidio Bertazzo

                  Egidio Bertazzo, classe 1924, è un sopravvissuto, un testimone vivente dell’orrore dei campi di concentramento nazisti durante la Seconda Guerra mondiale. Fra il 1943 e il 1945 di campi di concentramento e di lavoro ne ha vissuti ben tre, fra cui quello terribile di Buchenwald, lavorando in miniera a quasi 400 metri sotto terra fino allo sfinimento psicofisico.

                  Due anni di stenti, anche a causa della disumanizzazione del trattamento subito, lo portarono a pesare da 66 a soli 39 Kg. In quei due anni Bertazzo ha tenuto un diario ove ha descritto i suoi stati d’animo, le paure, i tormenti, le percosse, il duro lavoro in miniera, la fame e le sofferenze vissute. Ora quel diario è diventato un libro, dopo più di settant’anni dalla sua stesura originale.

                  Il mio diario di prigionia‘ non è un’autobiografia, non è nemmeno un romanzo o un racconto di fantasia, bensì è una testimonianza diretta della drammatica esperienza vissuta nei lager tedeschi, mettendo in risalto quanto è accaduto agli Internati Militari Italiani.

                  Egidio Bertazzo nel 1943

                  Egidio Bertazzo nel 1943

                  Infatti, Bertazzo era un militare in forza alla caserma di Vercelli quando questa venne circondata dalle SS naziste. Dopo un lungo assedio, i tedeschi intimarono agli italiani di arrendersi. Bertazzo descrive quel fatidico giorno, era il 10 settembre 1943, un venerdì:

                  “Ci fissiamo in volto come per chiederci se dobbiamo o no obbedire. Consegnare i fucili ai tedeschi? Non sarà mai! Arrenderci? Siamo pazzi, è la nostra morte, la rovina di tutti! Coraggio ci vuole! I tedeschi non sono poi tanto numerosi. Resistere? È una parola. Chi ci rifornisce di pallottole? Un reggimento in cui ci sono soldati che hanno preso in mano il fucile solo da poche ore, che cosa può fare contro un esercito armato fino ai denti?”

                  I soldati italiani tentarono una scarna resistenza, il giorno dopo il diario riporta:

                  “Allo spuntare dell’alba parecchie reclute tentano la fuga. Indossano i vestiti da civile, si appressano a una baracca rasente il muro della caserma, salgono sul tetto e approfittando di una scala posta dai vercellesi nella parte esterna del muro, se la squagliano in mezzo ai campi a gambe levate. L’esempio dei primi è di sprone ai più timidi. In breve tempo i fuggitivi si contano a centinaia.

                  Ahimè! i tedeschi non dormono e lasciano partire numerosi colpi di pistola nella direzione della baracca. È la nostra rovina; diventiamo agnelli. Seduti a terra attendiamo la sentenza di morte.”

                  Quello stesso giorno furono costretti alla resa. Da quel momento, per Egidio Bertazzo e molti dei suoi camerati, inizia un vero e proprio calvario.

                  Il diario di Egidio Bertazzo, come quelli di altre centinaia di ex internati, ha il pregio di tramandare fatti storici certi e inappellabili sulle condizioni di vita dei militari italiani internati nei campi di prigionia della Germania nazista. Un diario che però andava tenuto segreto e ben nascosto per evitare che le SS lo trovassero durante le numerose perquisizioni, altrimenti il suo autore sarebbe stato fucilato all’istante.

                  Il mio diario di prigionia‘ è un’opera che va considerata di alto valore storico e documentale in quanto contribuisce a ricostruire la vicenda degli Internati Militari, considerando che gran parte della documentazione dei vari lager fu deliberatamente distrutta dai tedeschi nell’imminenza della liberazione dei campi da parte degli alleati o dei russi, al fine di non lasciare testimonianza dei misfatti perpetrati.

                  Nel 2014 Egidio Bertazzo è stato insignito con la Medaglia d’Onore della Repubblica Italiana conferita dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ai militari e ai civili deportati e internati nei lager nazisti. E’ da allora che ha valutato l’utilità di pubblicare il suo diario, sia per testimoniare una parte significativa della nostra dolorosa Storia sia per evitare che possa mai ripetersi in futuro.

                  Domenica 15 maggio 2016 ore 16,00, presso il Museo Nazionale dell’Internamento di Padova, ci sarà la prima presentazione ufficiale del particolare ‘diario’, con la presenza del suo autore: Egidio Bertazzo.

                  Padova_EgidioBertazzo

                  Articoli casuali

                  0 878
                  COMUNICATO STAMPA Interverrà  Bruno Pizzul , voce inconfondibile del Mondiale USA 1994 Continuano le serate organizzate dall’Associazione RinnovaMente di Maniago.  Dopo il caso letterario dello scrittore...