Home Articoli e Novità

    1 861

    Cominciamo con il dire che i punti di sospensione sono 3, non uno di più, né uno di meno.

    Si possono inserire all’inizio, alla fine o all’interno di un periodo.

    La cosa che mi lascia sconcertata in alcuni testi da valutare è l’abbondanza.

    Prima di tutto rallentano la lettura, inoltre vanno usati quando servono, non ogni due parole.

    Si tratta di un segno di punteggiatura indicante una PAUSA, corrispondente a una virgola e lo si usa per svariati motivi:

    • Quando il discorso rimane in sospeso; in un dialogo che esita, lasciando la frase inconclusa. I punti di sospensione nei dialoghi non vogliono lo spazio che li preceda, né che li segua nel caso si chiuda la frase con il punto esclamativo o con le virgolette: “Si tolse la giacca e poi…”. Se invece sono all’interno del dialogo, fra una parola e l’altra, allora sono seguiti da uno spazio.
    • Quando sostituiscono parte del testo, per esempio in una famosa lista della spesa. In questo caso lo spazio va messo prima e dopo.
    • Sono comodi anche per evitare di scrivere in toto una imprecazione o una parolaccia: “vaff…”
    • Fra le parentesi quadre segnalano una citazione, fra le virgolette in solitario indicano stupore.
    • Vengono usati anche in formule matematiche, ma questa è tutta un’altra storia.

    Come per ogni cosa credo sia necessario mediare. Non dico di eliminarli del tutto, ci mancherebbe, ma state attenti a non metterli ovunque.

    Sono carini, sono simpatici, ma dosate bene!

    Come sempre consiglio di usare cerca/trova, chiedendo di evidenziarli nel testo, in modo da scoprire se avete esagerato.

    Spero di esservi stata di aiuto.

    Alexia Bianchini

      0 1181

      FORSE NON TUTTI GLI ASPIRANTI SCRITTORI SANNO CHE…

      PARLIAMO OGGI DI D EUFONICA

      In italiano, nel parlato e nello scritto, sussiste l’uso dell’aggiunta finale della lettera “d” ad alcune particelle:

      • preposizione ad
      • congiunzione ed
      • congiunzione od

      Non esistono regole ferree circa l’uso della d eufonica e non vengono consigliate o meno nei manuali, ma è consuetudine negli ultimi dieci anni farne uso solo negli incontri tra vocali del medesimo timbro o in alcune eccezioni di forme consolidate, come nella locuzione “ad esempio”, in cui però è facile ovviare scrivendo “per esempio”.

      Ad Ambra: corretto

      Ad Elena: scorretto

      Purtroppo nei testi pervenuti nelle redazioni delle case editrici vengono usate davanti a ogni vocale.

      Spesso, quando si fa presente che le d eufoniche non sono benvenute, e che dovranno essere eliminate, ci si sente rispondere che fanno parte del proprio stile o l’autore ne è particolarmente affezionato.

      Non pensiate sia una scelta editoriale scorretta o facente parte della moda del momento, la d eufonica rallenta effettivamente la lettura endofasia, ossia la lettura silenziosa, mentale, togliendo dinamicità al testo.

      Avete scritto un romanzo che volete mandare in valutazione e pensate sia una perdita di tempo stare lì a cercare tutte le d eufoniche nel testo? Ebbene non è un problema, bastano pochi minuti. Con l’ausilio del tasto trova/sostituisci, potrete sistemare il lavoro prima di inviare.

      Spero di essere stata d’aiuto.

      Alexia Bianchini

        1 1032

        Logo della Collana Silver

        La collana Silver di Ciesse Edizioni, dedicata alla fantascienza, vanta da qualche giorno un nuovo curatore, Luigi Milani (giornalista, scrittore. editor, traduttore: insomma, “imbrattacarte” full-time).

        “Il” Milani si ripropone di avviare una sorta di “reboot” della collana su basi nuove, aprendo, oltre che alla fantascienza classica, ammesso che questa esista ancora, alle nuove tendenze in atto, quali steampunk, postumanismo e transumanismo, connettivismo, nonchè urban fantasy con elementi fantascientifici.

        La collana non ospiterà invece opere Fantasy, che sono orgoglioso appannaggio della collana Gold, diretta da Alexia Bianchini. Naturalmente, quando si presenteranno testi con caratteristiche “ibride”, si valuterà di volta in volta la destinazione finale dell’opera. Le contaminazioni letterarie non solo non fanno paura, ma sono anzi ben accette in casa Ciesse. Del resto, come ogni lettore e autore ben informato sa, le etichette sono in genere più utili ai librai, che non a editori e autori.

        Il neo curatore di collana si predispone dunque alla temeraria ricezione dei manoscritti, da inviare attenendosi però scrupolosamente alle direttive qui indicate.

        Buona scrittura.

          0 847

          Questi sono i titoli che andranno in promozione ebook gratis AMAZON nella settimana che va da lunedì 06.02.2012 a sabato 11.02.2012 ore 09.00:

          1- Disegnavo parole di Mauro Lucente
          2- Il Sigillo del Drago di Sonia Dal Cason
          3- Il segreto dei tre campanili di Roberta Di Odoardo
          4- Il vento soffia da solo di Lorenzo Di Silvestre
          5- L’ultimo graffio di Erna Marioni Baldan

          La promozione riguarda 26 Paesi nel mondo… qui il link per l’acquisto.

            0 1330

            Articolo tratto da  “VOLVER, LA RIVISTA” (qui il LINK)

            Nel nostro Paese si fa sempre un gran parlare di autori emergenti, alcuni  blog, i più agguerriti, promettono fuochi e saette alle case editrici che pubblicano opere in cambio di un contributo economico da parte degli autori, altri, più sobri e radical chic, propongono il decalogo dei consigli per una buona e sana esperienza editoriale. Altri ancora si ostinano a dividere le liste degli editori in buoni e cattivi, stilano pagelle, raccolgono esperienze con il motto “raccontaci come ti sei trovato”, come se quella dell’editore fosse una professione assimilabile a quella dell’albergatore o dell’oste. E come se gli autori non fossero parte integrante del processo editoriale, ma soltanto puri e semplici consumatori.

            Sapete cosa hanno in comune queste queste diverse categorie di blog? La disinformazione.

            Lo diciamo subito, noi non cederemo mai a questa logica, quindi se state cercando un TripAdvisor delle esperienze editoriali, queste pagine non fanno per voi. Se, invece, cercate uno spazio di approfondimento, in cui ci si impegni a riportare soltanto dati oggettivi e a discutere civilmente, allora siete capitati nel posto giusto.

            Siete pronti? Sì?

            Allora cominciamo subito con un’anticipazione che vi aprirà gli occhi: anche Mondadori pubblica chiedendo soldi agli autori. Anche Einaudi, e chi più ne ha più ne metta. Quasi tutte le case editrici italiane pubblicano a pagamento, anche le più grandi, tutti gli operatori del settore lo sanno ma non lo dicono. Nei prossimi post sveleremo i meccanismi e i retroscena di un ambiente che non è proprio come ve lo raccontano. Lo faremo portando numeri e dati concreti, insomma, facendo nomi e cognomi. Certo, talvolta celeremo dietro l’anonimato i protagonisti delle esperienze che racconteremo, ma questo per doveroso rispetto della privacy.

            Non credete a quanto vi diciamo? Si vede che la disinformazione dilagante in rete vi ha già contaminato, ma non preoccupatevi, in questo spazio troverete l’antidoto alla logica del luogo comune, le risposte a quelle domande che da sempre albergano in voi e che nessuno ha mai avuto il coraggio di fornirvi.

            Sito web di VolveR, la rivista

            La notizia andrà verificata attentamente, intanto ci sembrava giusto condividerla e farla notare.

              0 958

              Un nuovo romanzo ha iniziato a prendere vita.

              Un giallo scritto a quattro mani da Carlo Santi e Francesca Panzacchi dal titolo “Delitti al Castello”.

              In questo caso il giallo classico e l’adrenalina del thriller/noir, tipica caratteristica del genere in capo al Santi, si mischia all’appassionante storia d’amore sapientemente condotta dalla Panzacchi.

              SINOSSI

              Siamo nella Maremma toscana, durante la ristrutturazione del Castello, di proprietà della giovane e aristocratica Contessa Sofia Zanchi, viene causato il crollo di una parete, dietro la quale viene rinvenuto un cadavere. La morte risale a poco più di un mese prima. A indagare sull’omicidio viene incaricato uno degli investigatori più abili e geniali, appena trasferito a Grosseto per comandare la nuova U.S.A.P., l’Unità Speciale Anticrimine della Polizia di Stato. Un poliziotto eroe che ha combattuto, per oltre un decennio, le Cosche Mafiose siciliane e stroncato traffici internazionali di rilevante importanza: il Commissario Capo Luca Alfonsi.

              I primi sospetti ricadono proprio sulla bella Contessa, della quale Alfonsi si innamora perdutamente. Ma nulla potrà essere dato per scontato: altre misteriose morti minano la logica e ferrea teoria accusatoria del Commissario e l’indagine prenderà una piega insperata. Tutto si complicherà ulteriormente fino al punto che Alfonsi si troverà di fronte a un bivio che sconvolgerà la sua intera esistenza.

              I due autori annunciano l’uscita del libro per maggio 2012, in concomitanza con la partecipazione di CIESSE Edizioni al Salone Internazionale del Libro di Torino.

              La cover di "Delitti al castello"

                0 1068

                COMUNICATO STAMPA

                È confermato! Il più grande festival d’Italia dedicato alla letteratura fantasy ritorna anche nel 2012.

                Dopo il grande successo dello scorso anno si rinnova il sodalizio tra il comitato organizzatore del festival, presieduto dallo scrittore mantovano Mauro Fantini, e il Comune di San Giorgio di Mantova. Quest’anno il divertimento sarà doppio. Le giornate dedicate alla letteratura fantasy saranno due: sabato 9 e domenica 10 giugno 2012.

                Il sabato mattina sarà dedicato ai bambini con incontri nelle scuole cittadine e un concorso tutto per loro. I più grandi non saranno trascurati, ci sarà la premiazione di due importanti premi letterari: il Premio Cittadella e il Premio Magia Urbana Pret-a-porter indetti dall’associazione “Sogni nel cassetto”. Nel pomeriggio potremmo immergerci tra ospiti scrittori, illustratori di fama internazionale e tanti, tanti libri. Non solo, fantastici oggetti e giochi a tema ci catapulteranno in quell’atmosfera che solo il fantasy è capace di creare.

                La domenica il comitato organizzatore ha pensato di portare gli amanti del fantastico direttamente dentro le storie di questi libri parlando di quelli che sono diventati delle trasposizioni cinematografiche. Prima con lo staff del Fantasy Magazine poi incontrando i doppiatori che danno le voci ai protagonisti della serie cult dell’anno Game of Thrones (vera chicca dell’edizione 2012. )

                Si parlerà di libri e si sfoglieranno le loro storie per due giorni, lasciandosi trasportare nel mondo fantastico della magia, del mistero, dell’horror, della fantascienza e delle favole per i più piccini. Presto, molto presto, quando anche gli ultimi ospiti avranno detto sì, verrà reso noto il programma definitivo dei due giorni.

                È al momento on line il promo trailer dell’evento da gustare tutto d’un fiato e che vi farà rimanere con l’acquolina in bocca: https://www.facebook.com/photo.php?v=2863268115326

                Restate in contatto con noi attraverso il sito: http://www.sangiorgiodimantovafantasy.it e il gruppo in Facebook https://www.facebook.com/pages/SAN-GIORGIO-DI-MANTOVA-FANTASY/228379707235720.

                Per tutte le info scrivete al comune di San Giorgio di Mantova oppure a: info@sangiorgiodimantovafantasy.it

                Grazie a tutti!

                Claudia Tonin
                Addetta ufficio stampa San Giorgio di Mantova Fantasy

                  0 906

                  Aver aderito all’iniziativa di Amazon Kindle (qui il nostro annuncio) di porre a disposizione i nostri titoli in eBook, si è rivelata un’idea vincente.

                  La prima settimana di prova, dal 12 al 17 gennaio, Il quinto Vangelo ha registrato 103 eBook scaricati (60 in Italia, gli altri all’estero) e La Bibbia Oscura 40 (14 in Italia e gli altri all’estero). Entrambi i romanzi di Carlo Santi hanno ottenuto, quindi, un ottimo risultato con ben 143 download gratuiti da parte dei Clienti Amazon Kindle, senza contare gli eBook acquistati a pagamento che hanno una rendicontazione trimestrale.

                  L’iniziativa è proseguita questa stessa settimana, dal 30 gennaio a ieri 03 febbraio, con cinque titoli posti a disposizione gratuitamente su Amazon:

                  1. Come foglie portate dal vento di Emiliano Gristolo 106
                  2. Cicatrici nascoste di Antonio Paganelli 94
                  3. Antipodi di Andrea Barillà 70
                  4. A barber story di Paolo Cavicchi 70
                  5. Adoro i numeri di Ilenia Basile 50

                  La cosa interessante è che, questa settimana, i primi quattro titoli su indicati sono stati indicati come Bestseller, cioè fra i cento (100) eBook gratuiti più venduti su Amazon Kindle Store, inseriti fra il 20° e il 50° posto in classifica.

                  Come foglie portate dal vento è risultato, inoltre, primo in classifica del genere Gialli/Thriller.

                  La prossima settimana toccherà ad altri cinque titoli e così a rotazione fino al 31 marzo 2012.

                  Ogni settimana vedrà protagonisti gli Autori CIESSE con i loro romanzi in eBook, gratuitamente a disposizione di tutti coloro che vorranno leggerci… anche oltre i confini italiani.

                  Andate al nostro catalogo eBook su Amazon e verificate i titoli gratuiti, ma non dimenticate anche di acquistare gli altri.

                  Articoli casuali

                  0 891
                  La storia autobiografica, nel libro scritto da Dino Baggio e Marco Aluigi, verrà presentato dall’ex calciatore al Kursaal di Abano Terme. La storia narra di un...