Home Recensioni Recensione di “R.I.P. – Riposa in pace” di M. Blini

Recensione di “R.I.P. – Riposa in pace” di M. Blini

    0 1782
    RIP di Maurizio Blini

    RIP di Maurizio Blini

    SINOSSI

    Il ritrovamento del cadavere di una prostituta sgozzata impegna oltremodo la sezione omicidi della Questura di Torino. Ma è solo il primo di una lunga serie di efferati omicidi apparentemente senza senso.

    Un macabro rituale lega alcune vittime all’ignaro investigatore privato ed ex poliziotto Maurizio Vivaldi.

    Chi si nasconde dietro a questa strategia? Chi lo vuole morto? Un nuovo caso per il commissario

    Alessandro Meucci e la sua squadra, in una Torino misteriosa dai tratti oscuri e inquietanti.

    RECENSIONE

    Bella sorpresa, questo autore, mio corregionale! Fin dalla prima pagina ho apprezzato ed amato il suo stile di scrittura, asciutto, moderno, senza sbavature. E la storia, ancor di più. La storia di una vendetta. Ma così crudele, così coinvolgente, che mi ha lasciato, a lettura finita, una sorta di nodo allo stomaco.

    Teatro della vicenda, Torino, descritta con minuzia di particolari, vie, luoghi… e con molto amore, fra le righe. Pare quasi di esserci, e di prendere parte agli appostamenti, alle bevute nei bar, agli incontri.

    L’assassinio della prostituta è ben poca cosa, in realtà, al confronto di ciò che dovranno affrontare il commissario Meucci e la sua squadra. Con lui, l’amico fraterno investigatore (ed ex collega) Vivaldi, che si accorgerà ad un certo punto di essere coinvolto molto più profondamente, in questa oscura storia, di quanto non immagini.

    E da quel momento i fatti si avvicenderanno così incalzanti, da togliere il respiro. I progetti per il futuro, l’imminente matrimonio, tutto appare a Vivaldi sfumato, rispetto agli omicidi, alle minacce, alla sensazione di pericolo imminente, di paura serpeggiante! La storia corre, rotola verso la fine con un ritmo mozzafiato, e si conclude con un finale a sorpresa. Almeno per me, che lo aspettavo diverso.

    Un bel giallo, veramente. E una vendetta talmente amara, che non dà neppure soddisfazione a chi -come la sottoscritta- ama le storie di vendette.

    Consigliato!

    Lo scrittore:

    Maurizio Blini è nato a Torino nel 1959. Laureato in scienze dell’investigazione all’università dell’Aquila; ex poliziotto, scrittore, autore, compositore, musicista, sceneggiatore. Ha vinto numerosi premi. Partecipa a varie trasmissioni radiofoniche e televisive su tutto il territorio nazionale.

    Link articolo originale

    NO COMMENTS