Home Editoriale Quando uno scrittore diventa uno “scrittorietto”!

Quando uno scrittore diventa uno “scrittorietto”!

    0 614

    Pubblico uno scambio mail che denota come uno che si crede scrittore diventa, in realtà, uno “scrittorietto” da quattro soldi.

    ——

    Mail ricevuta: martedì 9 ottobre 2012 21:04

    da: *** (chiamiamolo MisterX per la privacy)

    Gentile Redazione,
    vi contatto in merito alla proposta editoriale del mio romanzo ***.
    Vi chiedo scusa per il ritardo con il quale vi contatto, il fatto è che il giorno 19 luglio ho ricevuto una proposta editoriale da parte di Mondadori che ha bloccato il romanzo con un interesse verbale.
    Ad oggi questo interessa è rimasto tale, per tanto, se siete ancora disposti e interessati al mio romanzo, su consiglio della mia agente, mi sento di dirvi che se entro fine mese la Mondadori non contrattualizza la sua proposta firmerò con voi, nonostante abbia ricevuto altre quattro proposte da case editrici medio-piccole.
    Spero che non prendiate questa mail come denotazione di arroganza e che capiate il mio punto di vista.
    Fatemi sapere se siete ancora interessati alla pubblicazione e se siete disposti ad aspettare quella data. Vi chiedo ancora scusa per il ritardo e per l’attesa. Buona serata.
    F.to MisterX

    ——-

    La mia risposta: martedì 9 ottobre 2012 22:03

    Signor MisterX,

    non credo che la sua sia arroganza, ma solo una mancanza di rispetto.

    Mi spiace ma la CIESSE, pur essendo nulla rispetto alla più blasonata Mondadori o alle altre big dell’editoria, vuole mantenere integra la propria dignità, e lo vuole fare a tal punto che non posso permettere, né a lei né ad altri, che la mia casa editrice venga considerata un “ripiego” di comodo.

    Faccia quel che le suggerisce la sua capacità di intendere e di volere, mi lasci dire che non ho alcun interesse per la sua scelta, purchè sia altrove e non alla CIESSE che mi onoro di rappresentare, da questo momento ancor più di prima.

    Le auguro il successo che cerca e si rilegga con calma quel che ha scritto, potrebbe anche migliorare, sempre se si impegna a farlo.

    Cordialmente.-

    Carlo SantiDirettore Editoriale CIESSE Edizioni

    NO COMMENTS