Home Articoli e Novità Lettera aperta di un libraio agli editori sui DRM

Lettera aperta di un libraio agli editori sui DRM

    1 1164

    Tutti i nostri eBook sono DRM Free perché condividiamo il pensiero del Libraio di Ultima Books. Per questo pubblichiamo il suo simpatico ma determinato appello.

    Lettera aperta di Ciccio Rigoli

    Il Libraio di Ultima Books

    * * *

    Gentilissimi editori, agenti e scrittori, volevo dirvi una cosa.

    Innanzitutto, per chi non mi conoscesse, sono Ciccio Rigoli, il libraio di Ultima Books. Vendo ebook, sapete, quella cosa che avete scoperto da qualche tempo e che adesso fate a gara a chi la conosce meglio, a chi la vende a meno, a chi è il più bravo. È giusto, sono d’accordo con voi, fate bene. È il mercato, ci siamo dentro tutti.

    Volevo però dirvi una cosa, soprattutto a quelli più grandi che dovrebbero dare il buon esempio ai piccoli: la dovete finire con questi DRM.

    Si, lo so, è una questione antica come il digitale, già le case discografiche ci hanno provato e come è andata a finire lo sappiamo tutti. Però la questione stavolta non è romantica, non riguarda la cultura come bene condiviso di tutti o altro. Si tratta proprio di una questione di soldi.

    Gentili editori, agenti e scrittori, io per colpa dei DRM sto perdendo dei soldi, lo sapevate? Bene, ora lo sapete. Come faccio a perderli? Beh, semplicissimo. Cerco di spiegarvelo in poche righe.

    Li perdo ogni volta che devo stare al telefono per delle mezz’ore con la gentilissima signora di 50/60/70 anni che non riesce ad autorizzare il suo ereader. Oppure con lo stimato professionista che non capisce (giustamente) perché deve scaricare un altro programma e dare tutti i suoi dati ad Adobe per poter autorizzare il computer e quindi acquisire la licenza per scaricare il libro che ha regolarmente pagato. Non avete capito cosa ho detto? Bene, vuol dire che non avete mai acquistato un libro con DRM.

    Li perdo quando devo riaccreditare, perché il cliente ha sempre ragione, dei soldi al gentilissimo lettore che, per qualsiasi motivo, ha sbagliato a scaricare il libro e quindi non riesce a leggerlo, oppure l’ha scaricato per più di 5 volte e quindi non lo può più scaricare (che poi anche questa procedura dovreste spiegarmela). Oppure perdo soldi quando un possessore di tablet Android decide di non comprare mai più un ebook perché ha perso un sacco di tempo a scaricare un libro con Aldiko Reader, utilizzandouna procedura assurda che, se non la conoscete, vuol dire che non avete mai provato a scaricare un libro con un tablet Android.

    Perdo soldi quando un cliente dice: “Ma posso leggere questo libro sul mio Kindle?” e io devo rispondere: “Purtroppo no, i libri in ePub oppure PDF con DRM non possono essere convertiti e quindi letti su Kindle” e da allora in poi quella stessa persona comprerà per comodità soltanto su Amazon, anche se magari vorrebbe venire dal suo libraio di fiducia, che poi sarei io.

    Perdo soldi quando il cliente, dopo aver provato a scaricare e non esserci riuscito, cerca il libro gratuitamente su qualche sito pirata, come lo chiamate voi, e scopre che magari gli conviene non dover spendere soldi per qualcosa che potrebbe avere gratuitamente e in maniera più semplice.

    Non so se avete notato, cari editori, agenti e scrittori, ma qua tra l’altro non sono solo io a perderci soldi. Se non sbaglio, anche voi ne state perdendo una palata.

    Eh, ma come facciamo a proteggere il nostro prodotto?”, potreste chiedermi voi. Vi ricordate la pubblicità dei cancelli elettrici, quella che girava fino a qualche anno fa? Quella con il leone? Quella del cancello in mezzo al deserto? Bene, il vostro DRM è come quel cancello in mezzo al deserto: se uno ha la chiave, passa dal cancello, ma tutti gli altri possono passare tranquillamente dai lati. Spero che abbiate apprezzato la sottile metafora.

    Lo sapete meglio di me che a spaccare un DRM ci vogliono circa 25 secondi, o anche meno.

    Quindi, o vi fate un ragionamento oppure da ora in poi, ogni volta che ci perderò dei soldi nel non vendere un libro, nel vedere il mio cliente che se ne va su Amazon oppure su un sito pirata, ogni volta che dovrò stare al telefono oltre 2 ore al giorno a spiegare come si fa, oppure dovrò rispondere a 50 mail al giorno che chiedono aiuto sui DRM, sappiate che vi manderò una bella mail dicendovi: “Egregio editore, agente o scrittore, sappiate che mi dovete TOT soldi”. Ovviamente continuerò a vendere gli ebook con DRM, continuerò a spiegare con pazienza come si utilizzano e perché vengono messi sui libri, però non mi pare giusto che in tutta questa storia sia solo io a rimetterci. Se non volete sentire le ragioni del cuore, sentite almeno quelle del portafoglio.

    C’è un editore in Italia, non vi dico chi è ma dovreste arrivarci da soli, che vende libri a un prezzo equo e senza DRM, ed è praticamente sempre in cima alle classifiche di vendite. E probabilmente vende più di voi. Vi dice qualcosa tutto questo?

    Ovviamente sono pronto a rimangiarmi tutto quello che ho detto se riuscite a dimostrarmi, con cognizione di causa, che i DRM hanno un’utilità che io non riesco a trovare.

    Vi ringrazio per l’attenzione, Cordiali saluti

    Ciccio Rigoli

    SIMILAR ARTICLES

    0 4214

    1 COMMENT