Home Articoli e Novità Forse non tutti gli aspiranti scrittori sanno che… d eufonica

Forse non tutti gli aspiranti scrittori sanno che… d eufonica

    0 799

    FORSE NON TUTTI GLI ASPIRANTI SCRITTORI SANNO CHE…

    PARLIAMO OGGI DI D EUFONICA

    In italiano, nel parlato e nello scritto, sussiste l’uso dell’aggiunta finale della lettera “d” ad alcune particelle:

    • preposizione ad
    • congiunzione ed
    • congiunzione od

    Non esistono regole ferree circa l’uso della d eufonica e non vengono consigliate o meno nei manuali, ma è consuetudine negli ultimi dieci anni farne uso solo negli incontri tra vocali del medesimo timbro o in alcune eccezioni di forme consolidate, come nella locuzione “ad esempio”, in cui però è facile ovviare scrivendo “per esempio”.

    Ad Ambra: corretto

    Ad Elena: scorretto

    Purtroppo nei testi pervenuti nelle redazioni delle case editrici vengono usate davanti a ogni vocale.

    Spesso, quando si fa presente che le d eufoniche non sono benvenute, e che dovranno essere eliminate, ci si sente rispondere che fanno parte del proprio stile o l’autore ne è particolarmente affezionato.

    Non pensiate sia una scelta editoriale scorretta o facente parte della moda del momento, la d eufonica rallenta effettivamente la lettura endofasia, ossia la lettura silenziosa, mentale, togliendo dinamicità al testo.

    Avete scritto un romanzo che volete mandare in valutazione e pensate sia una perdita di tempo stare lì a cercare tutte le d eufoniche nel testo? Ebbene non è un problema, bastano pochi minuti. Con l’ausilio del tasto trova/sostituisci, potrete sistemare il lavoro prima di inviare.

    Spero di essere stata d’aiuto.

    Alexia Bianchini

    NO COMMENTS