Home Archivio >Recensione de “Il sigillo del Drago”

>Recensione de “Il sigillo del Drago”

    0 626

    >

    di Alexia Bianchini

    Direttore di Fantasy Planet

    Sonia

    «Brillante! Aspettiamo l’alba, usciamo sul terrazzo e chiediamo “Signor Sole, so che non è un tipo loquace, ma ci spiegherebbe dove trovare un drago che forse neppure esiste?” E poi ci sediamo a gambe incrociate e aspettiamo l’illuminazione!» La stanchezza stava rendendo Matthew particolarmente sarcastico.

    (Sonia Dal Cason)

    Con noi su Fantasy Planet oggi c’è Sonia Dal Cason, autrice fantasy che, con il suo romanzo per ragazzi I gemelli King e il Sigillo del Drago, ci introduce nel mondo fantastico dei Draghi, figure mitologiche di grande spessore.

    Biografia

    SONIA DAL CASON – Nata a Torino, ha frequentato il Liceo Linguistico Cadorna e successivamente la Facoltà di Economia di Torino, è sposata e vive in provincia di Padova. In passato ha lavorato come giornalista freelance presso un settimanale di cronaca locale della provincia di Torino. Nel 2001 è stata tra le finaliste del Premio letterario Europa Donna, il suo racconto Pensieri Spaiati è stato pubblicato nel volume “Il prima e il dopo”. Nel 2011 si è classificata al terzo posto alla IV Edizione del Premio Dickens con il romanzo per ragazzi I gemelli King e il Sigillo del Drago. Sempre nel 2011 il racconto E vissero per sempre felici e contenti è stato pubblicato nell’antologia “Favole della mezzanotte” edita da Ciesse Edizioni.

    Sinossi

    I gemelli Anna e Matthew King trovano, all’interno di un antico cofanetto, un Sigillo cilindrico sormontato da una testa di Drago. Sulla superficie sono incisi dei cartigli contenenti rune e geroglifici sconosciuti.
    Da quel momento comincia per i gemelli un’avventurosa ricerca per interpretare i misteriosi segni che li porterà, di volta in volta, in paesi stranieri dall’Inghilterra all’ Egitto fino a ricomporre l’intera Chiave del Regno che consentirà loro di risvegliare dal Magico Sonno dei secoli il Drago dorato.
    Il Drago li condurrà in tempi lontani e in luoghi dimenticati, mettendoli in guardia sui pericoli che sta correndo la Terra.

    Recensione

    Un romanzo per ragazzi, avvincente e spiritoso. L’autrice ha davvero uno spiccato sense of humor, e coglie sempre l’attimo giusto per inserire una battuta esilarante. La storia coinvolge dalle prime righe, i due gemelli, intraprendenti e arguti, si muovono bene nell’ambito dei misteri – il loro pane – dotati di un’ottima conoscenza del passato.

    Non manca certo l’Incanto, attraverso la mitologia dei draghi e di luoghi affascinanti dove si recheranno i nostri avventurieri, come Stonehenge, tutt’oggi in bilico fra magia e storia.

    Sebbene molto giovani la loro caparbietà li spingerà oltre la paura dell’ignoto, e persino al di là del timore di ricevere castighi dai genitori per il loro comportamento irrazionale e bizzarro.

    Non ci si può che sentire di nuovo bambini, presi da quella gioia frizzante che caratterizzava le avventure più disparate. I gemelli King sono due piccoli grandi eroi, un maschio e una femmina davvero uniti da una grande passione, ma divertenti per le loro battute sarcastiche.

    “Anna osservò con attenzione il gemello, aveva terra sulla punta del naso, qualche filo d’erba su un orecchio e le mani erano luride. «Hai collaborato agli scavi di Pompei o ti sei trasformato in un cane da tartufi?…»”

    I luoghi, caratterizzati con cura, permettono al lettore di sentirsi partecipe dell’avventura, insieme ai due protagonisti. Non si può certo dire che non siano state fatte ricerche o sopraluoghi, perché nulla è dato al caso, persino la sensazione della pioggia scozzese sulla pelle.

    Il romanzo è scorrevole, e per ogni età!

    Attendiamo il seguito, che per l’anno prossimo dovrebbe vedere la luce.

    Link all’articolo originale

    NO COMMENTS