Home Archivio >Le recensioni di Bruno: Il segreto dei tre campanili

>Le recensioni di Bruno: Il segreto dei tre campanili

    0 675

    >

    By Bruno Elpis
    Però Roberta … francamente parte avvantaggiata! Perché vive a Venezia, nella città PIU’ BELLA DEL MONDO, ove ogni respiro è fonte d’ispirazione artistica. Che lei ha colto, in una storia ambientata con grande abilità nella laguna. Qui si colloca la ricerca di un tesoro non ben identificato e la vicenda si dipana in un’atmosfera d’incanto tra litorale, isole, barene, luoghi d’arte, temporali e singhiozzi di gabbiani. Ingredienti che si combinano sotto l’ossessione e il sospetto che la laguna ospiti una piccola Atlantide inghiottita – tanto tempo fa – da una catastrofe naturale.
    Il segreto dei tre campanili
    Roberta non abbandona mai la sua grazia e la sua eleganza stilistica, neppure quando infila nella storia omicidi, aggressioni e l’incendio (per fortuna solo nella sua e nella nostra fantasia!) di un prezioso mobile antico che nasconde una mappa “sui generis”: il dipinto di tre campanili. O quando crea situazioni “alla Agatha Christie” (citata) in una festa a numero chiuso tra gli indiziati.
    Infine, voglio fare spoiler: lo so, in una recensione è un autentico delitto. Quindi non anticiperò se il tesoro alla fine viene ritrovato. Né svelerò l’identità dell’assassino. Il mio spoiler è un grosso dilemma: ho chiuso il libro con la sensazione che il vero ritrovamento del tesoro, in questa storia, abbia natura immateriale (leggasi amore). Che ne dice l’autrice?

    NO COMMENTS

    This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.