Home Archivio >AFGHANISTAN, un giorno per caso. Diario da Herat.

>AFGHANISTAN, un giorno per caso. Diario da Herat.

    0 571

    >

    Solitamente non annunciamo i libri che stiamo per pubblicare. Questa volta è diverso, la tipologia del libro è diversa. Merita di essere annunciato, fatto conoscere e, a nostro avviso, letto per la verità sociale, per il messaggio, per la speranza che, comunque, in esso è contenuto.
    E’ imminente la pubblicazione del libro 
    “AFGHANISTAN, un giorno per caso. Diario da Herat” 
    di Luigina De Simone.

    Il titolo è stato inserito nella collana editoriale LE NOSTRE GUERRE proprio perchè anche l’Afghanistan è una “nostra” guerra, così come molte altre missioni cosiddette “umanitarie” in cui, dietro a questa grandiosità letterale, palesemente si nascondono le guerre vere, dure, crude e sanguinose.
    • Per non dimenticare MAI la parola “PACE”
    • Per non dimenticare MAI i nostri soldati in missione
    • Per non dimenticare MAI i nostri caduti
    • Per non dimenticare MAI le nostre guerre
    AFGHANISTAN, un giorno per caso. Diario da Herat” vuole essere un contributo a comprendere, ma non a condividere o giustificare l’uso della forza… MAI!
    Una testimonianza “vera”, un diario che racconta una missione umanitaria che, però, è una guerra reale. Vissuta e raccontata da una donna, un soldato italiano. Questo libro non è un romanzo o un racconto di fantasia, ma la dura e cruda verità testimoniata da una protagonista che ha combattuto in quella terra martoriata, macchiata del sangue di molti innocenti, purtroppo, anche di tanti, troppi bambini.
    —-
    Luigina De Simone:
    “Io, che almeno due volte a settimana ho dormito sotto i bunker per proteggermi dai razzi lanciati in base dai criminali afghani, non posso parlare di missione di pace soprattutto perchè, a questi razzi, c’era una risposta con l’invio di mangusta, gli aerei da guerra! Io, che sono stata nelle trincee da dove si spara e si viene sparati, non posso parlare di solo missione umanitaria! Io, che ho visto quei soldati morire, non posso pensare che un colpo di fucile sia pacifico.
    Il vero dramma è che nessun soldato che parte sa dove va e cosa va a fare…”

    Uscita il 20 giugno 2011, CIESSE Edizioni.

    NO COMMENTS