Home Archivio >Le recensioni di Bruno: LA BIBBIA OSCURA

>Le recensioni di Bruno: LA BIBBIA OSCURA

    0 562

    >

    by Bruno Elpis

    LA BIBBIA OSCURA di Carlo Santi.

    Secondo, emozionante capitolo della saga di Tommaso Santini, il risolutore dagli occhi di ghiaccio, che questa volta contrastano due occhi di fuoco, quelli del Demonio.
    Con un balzo all’indietro nelle Scritture, il passaggio dal Nuovo (“Il quinto vangelo”) al Vecchio Testamento (“La bibbia oscura”) viene celebrato con il filo conduttore delle profezie di Nostradamus.
    Qual è il denominatore comune tra personaggi come il crociato scomunicato Federico I, il geniale Leonardo da Vinci, il conquistatore Napoleone e il folle Hitler?
    L’elemento di comunanza tra i quattro sembra essere la lettura, proposta dal Diavolo, di un libro nefasto scritto nientepocodimeno che con il sangue di un apostolo suicida, Giuda.
    E quale strana coincidenza lega la misteriosa morte di papa Luciani alla nascita dell’Anticristo, nell’ambito delle sinistre ricorrenze del numero trentatre?
    La narrazione viene condotta creando suspense, senza che tuttavia manchino trovate divertenti (“Dove lo trovo un Anticristo in giro per il mondo?” “Che faccio? Metto un annuncio: cercasi figlio del Diavolo, chiamare ore pasti!” …) e il gusto per l’azione, al quale l’autore ci ha abituati, tra continui capovolgimenti di fronte (inseguimenti, prelevamenti di DNA nelle bare al cimitero, corse in elicottero, esplosioni).
    Carlo ti inchioda alla lettura, senza perdere l’occasione per comunicare il suo interesse (trasgressivo quanto basta) per una riflessione teologica sul male, un nemico da sconfiggere a tutti i costi. E lo fa nel più inquietante dei modi: sviluppando il suo romanzo intorno a una delle più terribili figure del XX secolo. Evocando lo spettro di un’ideologia che ha devastato la storia contemporanea e ventilando la minaccia che un cataclisma simile o peggiore – se mai possibile! – possa ancora ripetersi nell’avventura dell’umanità.
    La Bibbia Oscura
    SINOSSI

    La Bibbia Oscura è il terzo romanzo di Carlo Santi ed è il sequel de Il quinto Vangelo. L’opera è del genere Thriller storico e narra di un’unità speciale e riservata del Vaticano: il “Sanctum Consilium Solutionum” o brevemente chiamato SCS. L’SCS, a capo del quale vi è colui che viene chiamato il “Risolutore”, ha l’incarico di proteggere e custodire i più reconditi segreti della Santa Sede.
    Tommaso Santini, insieme al Sanctum Consilium Solutionum, viene chiamato nuovamente a risolvere un misterioso caso che mina le radici della Chiesa. Trentatrè anni prima, il seme di un ragazzo posseduto dal Demonio, viene prelevato per fecondare una giovane donna, nove mesi dopo nasce Belial Bompiani. Una Setta satanica ha fatto di Belial il nuovo Anticristo, forte di un testo profano chiamato: La Bibbia Oscura. Una nefasta profezia renderà Belial, al compimento del suo trentatreesimo anno di vita, uno strumento distruttivo che vorrà colpire mortalmente la Chiesa facendo uso di quell’esecrabile testo. Ancora una volta il Risolutore si troverà di fronte a un nemico indicibile. A Santini il compito di uccidere Belial Bompiani prima che compia il trentatreesimo anno di vita.
    La storia narrata si basa su di una profezia di Nostradamus, tra l’altro realmente professata nella Quartina VIII.77 e IX.99, che annuncia l’avvento dell’Anticristo in terra all’inizio del terzo millennio. Colui che sarà l’Anticristo, al compimento del trentatreesimo anno di vita, trarrà i suoi poteri attraverso l’ausilio di un nefasto libro: la Bibbia Oscura. La profezia indica che, con l’avvento di tale inquietante figura, avverrà la distruzione della Santa Sede, provocando l’abominio della desolazione e la devastazione della terra con eventi catastrofici di entità enorme.
    A Tommaso Santini, il “Risolutore”, verrà dato incarico di capire e trovare chi può essere l’uomo che incarna il figlio di Satana e di ucciderlo prima che possa compiere il trentatreesimo anno di vita. 

    NO COMMENTS