Home Archivio >"La Correzione", un’altro capolavoro di Stefano Pastor

>"La Correzione", un’altro capolavoro di Stefano Pastor

    0 644

    >

    La Correzione, ISBN 9788897277033

    A voi il secondo lavoro di Stefano Pastor targato CIESSE Edizioni.

    TRAMA

    Può qualcuno essere importante, indispensabile, il fulcro stesso dell’esistenza, anche senza averlo mai visto? È il caso di Renato Ferrante, uno scrittore ricco e famoso, considerato da tutti un tipo elusivo ed egoista, e invece prigioniero della propria solitudine. L’unico contatto umano che gli è rimasto è Eva, l’editor che corregge i suoi libri. Da molti anni sono in contatto costante, tramite chat, senza essersi mai incontrati. Ma un giorno Eva scopre di avere la leucemia fulminante, interrompe ogni rapporto con lui, senza dargli troppe spiegazioni, e si fa ricoverare. Lo scrittore, annientato, piomba a casa della donna, e si trova di fronte alla più inaspettata delle sorprese: gli otto figli di Eva, abbandonati a se stessi e confusi, di cui lui non conosceva neppure l’esistenza. L’ometto, come lo chiamano i ragazzi a causa della scarsa altezza, non vede altra soluzione che fermarsi in quella casa e occuparsi di loro. E questo sarà solo l’inizio di un rapporto speciale, in grado di correggere tutte le loro vite.
    BIOGRAFIA
    Stefano Pastor è nato a Ventimiglia nel 1958. Dopo vent’anni passati nel commercio di musica e film, da un paio d’anni ha deciso di dedicarsi alla scrittura. Un primo successo l’ha ottenuto vincendo col romanzo Holiday il Premio Letterario Città di Ventimiglia, pubblicato in seguito dalla Editrice Zona col titolo di Ritorno a Ventimiglia (2010). Col thriller L’Intervista ha vinto il Premio Le Fenici 2010, indetto dalle Edizioni Montag, che l’hanno poi pubblicato in volume. Un suo racconto, Ranocchio, è stato inserito nell’antologia Mistero edita da Il mondo digitale Editore. Le sue storie sono dei generi più disparati, thriller, fantascienza, fantasy, horror, avventura, drammatico, ma ha una predilezione per il fantastico puro, senza una precisa inquadratura.

    NO COMMENTS